Disintossica il tuo organismo consumando regolarmente Farro Bio

depurati dalle scorie e dai metalli pesanti

Elisa Faraghini

Il Farro o Triticum è il più antico tipo di frumento coltivato; fin dal Neolitico veniva usato come alimento.

Il Farro si suddivide in 3 specie:

- Farro Piccolo o Monococco ( Triticum Monococcum): il più antico, che affonda le sue origini nell' attuale Turchia; i primi reperti della sua coltivazione risalgono al VIII-VII millennio a.c..

Per la scarsa resa e gli alti costi di lavorazione oggi è la specie meno coltivata.

-Farro Medio o Dicocco ( Triticum Dicoccum): di poco meno antico del primo, che affonda le sue origini tra il Mediterraneo e il Caucaso.

Ha un rendimento alimentare maggiore del primo e per questo la sua domesticazione è stata più veloce che per il primo.

A questa specie appartiene la grande maggioranza del farro coltivato in Italia.

-Farro Grande o Spelta ( Triticum Spelta ): è quello di origine più recente; i reperti della sua coltivazione risalgono a due millenni dopo quella delle altre due varietà.

Le sue origini possono essere ricondotte alle zone del Caspio ed oggi viene coltivato soprattutto in Europa Centrale, Orientale ed in Francia, visto che non si adatta particolarmente al clima italiano.

Il Farro è stato per secoli l'alimento base degli antichi romani, usato come merce di scambio, nel rituale del matrimonio ed in alcune cerimonie religiose come dono propiziatorio agli dei. Il Farro costituiva anche l'alimento base nella dieta dei soldati romani famosi per la loro forza e resistenza.

Tuttavia la sua coltivazione è andata via via riducendosi per lasciare il posto al grano tenero ( discendente del farro grande ) e duro ( discendente del farro medio ) con rese maggiori e costi inferiori.

Oggi la maggior parte della produzione di Farro è associata all'agricoltura biologica e al tentativo di valorizzare zone agricole marginali.

Il Farro infatti è molto resistente al freddo, non ha bisogno di terreni particolarmente fertili e non necessita dell'impiego di prodotti chimici di sintesi; di solito è sufficiente la letamazione e la fertilità lasciata dall'erba medica.

Il Farro è senza dubbio il cereale più indicato per la sua versatilità, la facilità di cottura, il gusto e le caratteristiche nutrizionali: è il cereale meno calorico in assoluto.

La proprietà principale del Farro risiede nel contenuto di Selenio e di Acido Fitico che contrasta l'azione dei radicali liberi responsabili dell'invecchiamento e di tutte le forme di degenerazione cellulare come il Cancro.

Il Farro è caratterizzato anche da un alto contenuto di proteine, è più digeribile e meno allergizzante del grano.

I carboidrati del Farro favoriscono la coagulazione del sangue e stimolano il sistema immunitario.

Il Farro contiene Metionina , aminoacido assente in tutti gli altri cereali, responsabile del benessere generale del corpo; in particolare favorisce la salute dei capelli, della pelle, dei reni e del fegato, bilancia il metabolismo, disintossica l'organismo dai metalli pesanti, aiuta a regolarizzare il colesterolo e a combattere i radicali liberi.

Per i suoi innumerevoli benefici il Farro è consigliato a chi soffre di Diabete, ai bambini, alle donne in gravidanza, a chi vuole dimagrire e a chi soffre di stitichezza.

Si consiglia comunque di usare il farro decorticato e non perlato poiché l'operazione di perlatura elimina gran parte delle fibre ma non apporta alcun vantaggio in termini di gusto, abbassa solamente i tempi di cottura.

Il Farro intero può essere usato come il riso nella preparazione di insalate, zuppe, sformati, polpette e minestre.

Con la farina di Farro si produce un ottimo pane, ha le stesse quantità di fibre del seme integrale ma non ha lo sgradevole sapore di crusca anzi è addirittura più aromatico del pane bianco.

La farina di Farro si utilizza anche per la preparazione di pasta e prodotti da forno.

In Italia oggi il Farro viene prodotto in due zone: la Carfagna e l'Appennino Umbro- Tosco- Laziale; in Umbria, nell'alta Valnerina i coltivatori locali hanno chiesto ed ottenuto per questo prodotto il marchio D.O.P Denominazione di Origine Protetta.

Condivisione